Il Rhum Papa sbarca a Milano dalle Filippine

Immaginate una terra lontana ricoperta di natura selvaggia, montagne, vulcani, animali e fiori esotici e nell’aria un leggero profumo di canna da zucchero: il suo nome è SugarLandia, nelle Filippine, una delle più ricche ed interessanti località al mondo. Da questa terra è sbarcato direttamente in Italia, grazie ai Fratelli Rinaldi, nel suggestivo e lussureggiante giardino del ristorante Shambala a Milano Don Papa il primo rum premium delle Filippine con lotti limitati e selezionati. Un Rum rivoluzionario sin dal nome che si ispira a Papa Isio, un’icona leggendaria dell’isola di Negros nelle Filippine,coltivatore di canna da zucchero ed anche sciamano e mistico.

Patriota isolano, nazionalista, leader guerrigliero e combattente per la giustizia sociale, Papa Isio condusse in breve la sua isola all’indipendenza liberandola dalla dominazione spagnola. Un Rum genuino e naturale, preparato con le più fini e dolci canne da zucchero del mondo, invecchiato in legno di quercia, che vi farà immaginare mondi lontani ed inesplorati già solo sfiorando la splendida bottiglia dal design accattivante con tappo in sughero e ammirando l’etichetta dove è raffigurato un geco ed insieme ad esso altri 50 animali, tra i quali anche il più piccolo primate al mondo, il tarsio spettro originario del sud dell’arcipelago filippino delle Visayas.

Un Rum avvolgente e travolgente dal colore ambrato,dal gusto ricco e morbido.Leggero e fruttato al naso, liscio e delicato al palato sprigiona lunghe ed intriganti note di vaniglia, miele e frutta candita rimandando alle atmosfere esotiche ed incontaminate dell’isola di Negros.

Don Papa è un prodotto filippino al 100% che si distingue anche visivamente dagli altri Rum, e fissa un nuovo standard del lusso filippino. Non vi resta che gustarlo e sognare ad occhi aperti.

 

1 pensiero su “Il Rhum Papa sbarca a Milano dalle Filippine”

  1. Have you ever considered creating an ebook or guest authoring on other blogs? I have a blog based upon on the same topics you discuss and would love to have you share some stories/information. I know my visitors would enjoy your work. If you are even remotely interested, feel free to send me an email.|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *