ruinart white book

Ruinart White Book: la preziosa guida per la vera esperienza del Ruinart Blanc de Blanc

Unico, leggero, elegante e discreto è il Ruinart White Book proprio come il Blanc de Blancs, lo champagne emblema della Maison Ruinart a cui è dedicato. Un prezioso e sottile libretto che, come un filo d’oro, ci guida, ci illumina ed agevola, in modo sapiente e naturale, nella scelta e nell’abbinamento tra il Ruinart Blanc de Blancs ed i piatti che meglio ne esaltano le sfumature e gli equilibri, rendendo l’esperienza degustativa di questo versatile Champagne,realistica e conforme alle sue caratteristiche

Per rendere pratica e vera questa esperienza degustativa, la Ruinart, Maison caratterizzata dall’eleganza senza tempo,ha chiesto ad alcuni principali paesi del mondo tra cui Italia, Inghilterra e Francia di individuare uno Chef “amico” che lavorasse sul Blanc de Blancs per realizzare alcune creazioni culinarie che valorizzassero al meglio le potenzialità e le peculiarità di questo Champagne, dando al riguardo i consigli più opportuni da inserire in una guida unica.
In Italia la scelta è ricaduta sullo Chef stellato Davide Oldani,uno dei 50 chef ambasciatori della cucina italiana nel mondo, “onorato di essere protagonista con Ruinart” che, per l’occasione, ha dedicato alla Maison il suo tempo e la sua cucina, a chilometro zero e fortemente legata alla stagionalità e al clima, creando un menù ad hoc di piatti ed ingredienti che si integrano ed abbinano in modo naturale al Ruinart Blanc de Blancs.
Anche noi di I Like Milano abbiamo avuto l’onore di provare, in anteprima, i piatti che Davide Oldani ha dedicato in esclusiva al Ruinart Blanc de Blancs e lo abbiamo fatto nel suo ristorante D’O di Cornaredo (MI) recentemente rinnovato. Un ristorante “trasparente” grazie alla luminosa veranda dove è possibile pranzare che, con la sua ampia vetrata, permette di godere del panorama semplice e genuino del paese con la sua piazza principale circondata dal Palazzo del Comune e dalla bella Chiesa.
Davide Oldani in persona ci ha accolti nel suo ristorante come a casa, una casa italiana che piace sempre tanto proprio come il Ruinart Blanc de Blancs che è lo champagne che più piace al mondo e che non a caso è stato Ospite di questo ristorante perché ne rispecchia i valori: eleganza, freschezza, leggerezza, luminosità e discrezione.
Eccezionali gli abbinamenti anche cromatici tra la delicatezza e l’equilibrio del Blanc de Blancs ed i piatti di Davide Oldani che ha selezionato, per l’occasione, ingredienti a cavallo tra l’estate e l’autunno. Due stagioni che hanno anche fatto da legame, come un sottile filo di seta, tra i piatti presentati durante il pranzo ed in cui ci siamo all’improvviso ritrovate grazie agli ingredienti scelti dallo Chef come il contrasto della meringa di carote e la paletta di fico d’india candita, la melanzana caramellata ed il  Grana Padano riserva caldo e freddola decisione degli spaghetti aromatizzati al caviale di trota e il limone nero in polvere, la dolce scoperta del branzino in crosta e la dolcezza dello zabaione al dragoncello fino alla magnificenza e all’esplosione della Sacher di cioccolato e albicocche che sembrava un quadro dipinto sul piatto.
Il Ruinart White Book contiene al suo interno, oltre ai preziosissimi consigli pratici sui piatti, dalle tapas al dolce, e sugli ingredienti da scegliere per la reale esperienza degustativa del Ruinart Blanc de Blancs 100% Chardonnay, anche una collezione di ricette di piatti di abbinamento a questo Champagne per potersi dilettare, con la loro preparazione, anche a casa in compagnia di un brillante bicchiere di Ruinart Blanc de Blancs sempre pronto a farci da guida.
Tre ricette che vedono protagonisti tre grandi chef: lo chef Laurent Magnin con “Aiguillette di pesce San Pietro, Ravioli di pompelmo rosa, pepe di Andaliman ed emilsione iodata allo zafferano di Aisazia”, lo chef Davide Oldani con “Spaghetti al caviale di trota e limone nero in polvere” e lo chef Christopher Denney con “Conchiglie di Saint-Jacques (capesante) accompagnate da mela Granny Smith e panna cotta cremosa al rafano”. Questi tre piatti, in abbinamento a Ruinart Blanc de Blancs, ne esaltano la purezza e l’eleganza che da sempre lo caratterizzano.
E’ possibile, inoltre, scaricare la versione digitale de “Il Libretto Bianco” da questo link https://www.ruinart.com/it-it/il-libretto-bianco.

i like milano

1 pensiero su “Ruinart White Book: la preziosa guida per la vera esperienza del Ruinart Blanc de Blanc”

  1. I simply want to tell you that I’m new to weblog and certainly liked you’re website. Very likely I’m planning to bookmark your website . You actually come with beneficial posts. Regards for revealing your web page.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *